INDICAZIONI OPERATIVE PER IL BONUS FACCIATE

INDICAZIONI OPERATIVE PER IL BONUS FACCIATE
Il “bonus facciate” è stato introdotto dalla legge di bilancio 2020 (L. 160/2019) ed è ammesso per le spese relative a interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna di edifici esistenti, parti di essi, o su unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale.
Non spetta, invece, per gli interventi effettuati durante la fase di costruzione dell’immobile o realizzati mediante demolizione e ricostruzione.
 
LE ZONE INTERESSATE E LE ZONE ESCLUSE
Per avere diritto al bonus è necessario che gli edifici siano ubicati nelle zone A o B (indicate nel decreto del ministro dei Lavori pubblici n. 1444 del 1968) o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali. L’assimilazione alle zone A o B della zona territoriale nella quale ricade l’edificio oggetto dell’intervento dovrà risultare dalle certificazioni urbanistiche rilasciate dagli enti competenti.
 
La Zona A ai sensi del DM 1444 comprende le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestono carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale o da porzioni di essi (centri e borghi storici). Lo strumento urbanistico del Comune di Cadelbosco di Sopra NON individua ambiti urbanistici con queste caratteristiche, quindi la Zone A a Cadelbosco di Sopra NON ESISTE.

La Zona B invece include le parti del territorio totalmente o parzialmente edificate, diverse dalle zone A. Sono i cosiddetti "ambiti consolidati". A titolo indicativo, il Settore Urbanistica ed Edilizia Privata del Comune di Cadelbosco di Sopra ha redatto la cartografia qui allegata (denominata "Zone B.pdf") che individua schematicamente (in colore verde) le aree prevalentemente residenziali interne al territorio urbanizzato. Sono sostanzialmente le aree che lo strumento urbanistico comunale classifica come "AC1", oppure "AC2" oppure "AC3".
Ricadere nelle aree verdi indicate in cartografia, però, non è sufficiente. Per poter accedere al bonus bisogna infatti rientrare in altri due parametri.
Il primo è quello relativo alla SUPERFICIE COPERTA degli edifici esistenti, che non deve essere inferiore al 12,5% (un ottavo) della superficie fondiaria.
Il secondo è quello relativo relativa alla DENSITA' TERRITORIALE, che deve essere superiore a 1,5 mc/mq.
 
Sono esclusi dal “bonus facciate” tutti gli interventi realizzati su edifici che si trovano nelle zone C (zone di nuova previsione e zone che non rispettano i parametri relativi alla superficie coperta e alla densità territoriale sopra riportati), D (zone industriali/artigianali), E (zone agricole) ed F (attrezzature e servizi) ai sensi del DM 1444.
 
COME SI CALCOLANO I PARAMETRI DELLA SUPERFICIE COPERTA E DELLA DENSITA'
Per accedere al bonus, occorre che la zona urbanistica di appartenenza dell'immobile abbia un rapporto di copertura di almeno 1/8, calcolato come rapporto tra la superficie generata dalla proiezione al suolo del tetto (o dei tetti) e la superficie fondiaria del lotto (nel caso di lotti edificati con intervento diretto) o del comparto (nel caso di lotti edificati con piano particolareggiato). Viene qui riportato, a titolo meramente indicativo, lo schema grafico per il calcolo della superficie coperta ("Calcolo_Sup_Coperta.pdf").
Occorre inoltre che l'ambito urbanistico abbia una determinata "densità", determinata ai sensi del DM 1444 come rapporto tra la volumetria costruita e la superficie fondiaria del lotto (o del comparto), che deve essere di almeno 1,5 mc/mq. anche in questo caso, viene qui riportato, a titolo meramente indicativo, lo schema grafico per il calcolo della densità ("Calcolo_Densità.pdf")
 
RIASSUMENDO: I PARAMETRI DA RISPETTARE
I parametri per accedere al Bonus Facciate a Cadelbosco sono tre e devono essere soddisfatti tutti e tre:
1) l'edificio deve ricadere nella Zona B (verificare file "Zone_B.pdf");
2) il rapporto di copertura deve essere di almeno 1/8 (calcolato come da file "Calcolo_Sup_Coperta.pdf")
3) la densità fondiaria deve essere pari almeno a 1.5 mc/mq (calcolato come da file "Calcolo_Densità.pdf")
 
CHI RILASCIA LA CERTIFICAZIONE PER ACCEDERE AL BONUS
La legge stabilisce che la zona territoriale in cui ricade l'edificio dovrà risultare "da certificazioni urbanistiche rilasciate dagli enti competenti". Va tuttavia chiarito che gli uffici tecnici comunali NON DISPONGONO in automatico dei dati necessari per verificare i parametri (superficie fondiaria, superficie coperta e volumetria complessiva). Occorre quindi che il reperimento e la verifica di tali dati sia affidata ad un tecnico di fiducia. Se i proprietari a loro volta non sono in possesso di tali dati, è possibile reperirli esclusivamente effettuando una richiesta di accesso agli atti (a pagamento) presso l'ufficio tecnico comunale, che provvederà a recuperare le pratiche edilizie relative all'edificio presso l'archivio cartaceo comunale, per poi metterle a disposizione per la consultazione da parte dei proprietari o di tecnici da questi incaricati.


Ultimo aggiornamento: 06/03/20

CALENDARIO EVENTI
DOVE SIAMO
dove siamo
L'altro teatro L'altro Teatro